.:: Apprendimento, gestione, organizzazione ::.
Buone pratiche
Unioncamere

Home > Buone Pratiche > Cos'è una Buona pratica

Cos'è una Buona pratica

Negli ultimi anni, complice un indirizzo piuttosto incisivo della Commissione europea, si sono susseguite varie iniziative volte a promuovere l’individuazione ed il trasferimento di buone pratiche, sia nel settore pubblico che nel privato, anche attraverso la creazione di strumenti per facilitare lo scambio di esperienze e favorirne la fruizione e l’utilizzo.

Ma cosa è una buona pratica? E perché condividerla?

Nella letteratura, il concetto di buona pratica si utilizza per descrivere i risultati, i punti di forza e di debolezza, ed i processi di un qualsivoglia progetto o iniziativa in relazione alle sue linee operative, all’efficacia del suo svolgimento ed alle sue modalità di realizzazione.

In questo senso, una pratica – un’idea progettuale, un approccio metodologico, una soluzione operativa – si connota come buona per l’efficacia dei risultati che ha consentito di raggiungere, per le sue intrinseche caratteristiche di qualità e innovatività, e per il contributo offerto alla soddisfazione del bisogno o alla soluzione dell’eventuale problema che l’ha fatta intraprendere.

Le buone pratiche sono utili da condividere e divulgare nella misura in cui tali esperienze siano in grado di alimentarne di nuove in contesti diversi da quello originario, o rappresentino un riferimento efficace per trarre spunti, informazioni e soluzioni utili ad innestare sviluppi innovativi o implementazioni alle proprie iniziative, ovvero essere adattate – con le dovute accortezze - al proprio contesto locale ed alle proprie esigenze interne.

Nella rete camerale, lo scouting e la promozione delle buone pratiche sono azioni importanti attraverso cui è possibile esaltare al meglio la complessità e la valenza di enti che, pur caratterizzati da una comune matrice, operano in un’ottica di concreta sussidiarietà nel territorio, traducendo la propria autonomia in funzione delle specifiche esigenze rappresentate dal contesto locale di cui si fanno interpreti e portavoce.

Data di pubblicazione 24/07/2012 16:42
Data di aggiornamento 14/10/2014 11:09